Montolivo e Mexes (getty images)
Montolivo e Mexes (getty images)

Un campo disastrato, tanta timidezza tattica in campo, chilometri e chilometri lontano da casa. Ma il primo derby fra Milan e Inter della stagione ha fatto emozionare e gioire, almeno i più di 60 mila tifosi cinesi accorsi all’anteprima di Shenzhen tra la squadra di Sinisa Mihajlovic e quella di Roberto Mancini. L’ha spuntata il Milan, grazie ad una prodezza individuale di Philippe Mexes, ma con l’impressione che ci sia ancora tanto da fare.

 

Come riporta la Gazzetta dello Sport, la prima parte della gara è sembrata un’esibizione per coloro che in futuro faranno fatica a trovare spazio: tante riserve in campo per i rossoneri, mentre Mancini manda in campo un undici quasi da Primavera. Ne risultano 45′ scarni di emozioni, poco interessanti tecnicamente, anche se c’è da segnalare un Andrea Bertolacci subito calato nella parte in casa rossonera, bravo in fase di impostazione, ancora poco brillante nei tempi di inserimento.

 

Nella ripresa dentro i ‘big’ da entrambe le parti, ed è Mexes ad accendere la luce. Su angolo preciso di Jack Bonaventura il francese si coordina al volo e trova un destro magnifico e perfetto che si infila alle spalle di Carrizo per il gol-vittoria. Un lampo in una serata anche noiosa, riaccesa nel finale quando Antonio Nocerino prende troppo sul serio la sfida facendosi cacciare con un rosso diretto per un intervento duro su Kondogbia, il ‘pomo’ della discordia tra Milan e Inter. Vincono i rossoneri, che non prendono gol per la prima volta in questa estate. Ma la solidità difensiva dovrà essere testata con avversari più competitivi dell’Inter di ieri.

 

Redazione MilanLive.it