Nuovo stadio Milan (acmilan.com)
Nuovo stadio Milan (acmilan.com)

Il Milan tramite un comunicato apparso sul sito ufficiale acmilan.com ha voluto replicare all’intervista rilasciata da Benito Benedini, presidente di Fondazione Fiera Milano, in merito alla vicenda stadio. L’ente proprietario del suolo in cui il club di via Aldo Rossi intendeva costruire il proprio impianto accusa la società, in particolar modo Barbara Berlusconi, di non aver rispettato l’impegni facendo un dietrofront motivato dall’eccessivo costo della bonifica dell’area. Di seguito la nota ufficiale del Milan.

 

Fondazione Fiera esprime sui giornali di oggi valutazioni non condivisibili e molto lontane dalla verità dei fatti. Sarebbe importante che la stessa rileggesse, senza fraintenderne il contenuto, quanto scritto pochi giorni fa dal Milan.

Il club di via Aldo Rossi non manifesta certo un disimpegno verso il progetto. Anzi. Il Milan, però, avanza richieste legittime di chiarimenti e di documentazione finora non pervenuti. Anche perché, va ricordato, che, fino ad oggi, si è’ lavorato su una manifestazione d’interesse non vincolante. Ora e solo ora si entra nella fase contrattuale. Ad oggi il Milan non ha potuto, come suo diritto, fare i carotaggi ne ricevere le carte in merito. Nessuno sa cosa si potrebbe trovare nel sottosuolo e nemmeno Fiera, proprietaria dei terreni, ne è a conoscenza. Se si scoprisse che nel sottosuolo la situazione fosse più grave (con la necessità di interventi di bonifica molto rilevanti) di quella solamente ipotizzata da Fiera, ciò significherebbe che quell’area non poteva essere nemmeno proposta in locazione per realizzare uno Stadio.

Inoltre è incomprensibile la fretta di Fondazione Fiera. Perché la stessa ha fatto perdere al Milan, coi sui continui rinvii dovuti anche a altre vicende (ricordiamo, tra l’altro, le nomine di Fiera Spa) più di 8 mesi. Periodo che avrebbe consentito al Milan di valutare altre aree o di rilevare quella di fondazione per poter disputare la prima stagione nell’anno 2018-9, cosa non più possibile. Vale la pena ricordare che tali continui rinvii di Fondazione hanno causato al Milan danni, conseguenti a mancate entrate e mancate sponsorizzazioni, per milioni di euro. La società Milan si augura che i toni tornino propositivi e che si prosegua il rapporto in maniera costruttiva nell’interesse reciproco.

 

Redazione MilanLive.it


Vota per Milanlive.it su Blog dell’Anno