Riccardo Saponara (foto empolicalcio.net)
Riccardo Saponara (foto empolicalcio.net)

Riccardo Saponara è probabilmente uno dei rimpianti del Milan degli ultimi anni. Il ragazzo era arrivato a Milano con la fama di essere una sorta di predestinato a diventare un grande giocatore, ma nessuno gli ha mai dato fiducia e anche gli infortuni lo hanno ostacolato. A gennaio 2015 è maturata la cessione in prestito con diritto di riscatto all’Empoli, dove il 24enne trequartista si è rilanciato alla grande trascinando la squadra alla salvezza a suon di gol, assist e ottime prestazioni. I toscani non ci hanno pensato su due volte e lo hanno riscattato per 4 milioni di euro, prima di respingere le tante offerte provenienti da club importanti.

 

Sabato il Milan avrà di fronte proprio l’Empoli di Saponara a San Siro. Il giocatore ci tiene a fare bene e lo ha dichiarato in conferenza stampa: “Non sarà una gara come le altre: ci tengo a far bene, ma non per un senso di rivalsa, quanto per lo stadio dove giocheremo e l´avversario che fa scattare sempre qualcosa in più”. Per quanto riguarda la sua esperienza in rossonero ha detto: “A livello caratteriale mi ha dato molto – si legge su empolicalcio.net -. Penso che certi treni quando passano vadano presi e anche tornando indietro rifarei la stessa scelta“.

 

Il talentuoso trequartista successivamente ha parlato dell’avversario e dell’atteggiamento che dovrà avere l’Empoli in partita: “Il Milan una squadra in costruzione, con elementi di livello, che non sarà facile da affrontare, anche perché avrà dalla sua un pubblico che ha ritrovato l´entusiasmo. Noi dovremo alzare il ritmo ed evitare di difendere bassi perché rischiamo di farsi schiacciare. Ripartiamo dopo domenica: il mister ci ha chiesto di svoltare, portandoci dietro la rabbia, positiva, e non le cose negative. In settimana stiamo lavorando bene, ripartendo dalle cose buone fatte e migliorando dove abbiamo sbagliato“.

 

Redazione MilanLive.it