Marcello Lippi (getty images)
Marcello Lippi (getty images)

Accostato al Milan in estate, prima che la decisione del club virasse su Sinisa Mihajlovic. L’ex ct campione del mondo Marcello Lippi è stato interpellato dalla Gazzetta dello Sport, come parere esimio ed esterno al campionato italiano attuale. L’esperto allenatore, che ha lasciato la Cina dopo le annate comunque positive alla guida del Guangzhou Evergrande, ha dato il proprio giudizio sulle varie big di Serie A.

 

Interessante ciò che Lippi ha da dire sul derby di domenica e sul nuovo Milan: “Il derby arriva troppo presto, Inter e Milan non sono ancora rodate anche perché hanno cambiato molto. Chi perde avrà comunque l’alibi di essere ancora un cantiere aperto. Mihajlovic mi piace, è un allenatore puro e vero. Consiglio ai calciatori di seguirlo e mettersi in sintonia con lui, lo dico soprattutto per il loro bene“.

 

Il giudizio sulla rosa rossonera è assolutamente positivo: “Ci sono ottimi elementi nel Milan di oggi, è una squadra tutt’altro che scarsa. Il portiere è buono, De Sciglio e Antonelli funzionano come terzini. Romagnoli non sembra patire la sua alta valutazione sul mercato, ha stoffa e diventerà l’erede dei grandi centrali del passato. In mezzo c’è De Jong, il talento di Bonaventura, spero si rilanci Montolivo. Poi in attacco Bacca e Luiz Adriano, oltre all’incognita Balotelli. Ma saprà rilanciarsi e vincere la sua battaglia, tornerà protagonista come merita“.

 

Redazione MilanLive.it