Mark Hateley e Fulvio Collovati (foto dal web)
Mark Hateley e Fulvio Collovati (foto dal web)

Mark Hateley ha giocato nel Milan dal 1984 al 1987 segnando complessivamente 17 gol in 66 presenze in campionato. Non particolarmente prolifico nonostante al suo arrivo fu presentato come un vero bomber d’area, ma i i tifosi rossoneri se lo ricordano bene per il gol del 2-1 segnato nel derby contro l’Inter nel 1984 svettando di testa sull’ex giocatore milanista Fulvio Collovati.

 

L’ex centravanti scozzese, intervistato dal quotidiano La Repubblica, ha ricordato così quella prodezza: «A volte penso che quel gol abbia aiutato il Milan a mettersi alle spalle gli anni bui. Rimarrà per sempre un gol diverso. Perché lo fu per la gente. Il Milan non vinceva un derby da 6 anni, era stato in B due volte, il mio avversario era Collovati, andato via dopo la retrocessione, e i tifosi erano offesi con lui. Quando vidi arrivare il pallone, pensai solo a salire più in alto di lui».

 

Hately ha ancora raccontato come avvenne il suo approdo al Milan: «A maggio ‘84 vinco gli Europei con l’Under 21, faccio 9 gol in 11 partite. A giugno debutto in nazionale, battiamo 2-0 il Brasile e segno. Passano 5 giorni e il mio agente dice che hanno chiamato un po’ di squadre dall’estero. Gli faccio: quali sono? E lui comincia: il Milan… Lo fermo subito: bene, andiamo. Le altre non le ho mai sapute. Giocavo in B e mi volevano nel campionato di Zico e Platini. Che me ne fregava di sapere le altre?».

 

Così pare una storia d’amore. «Lo è stata. Liedholm fu l’incontro perfetto. Il mio papà italiano. Dopo l’allenamento si fermava a parlare, voleva sapere di me, della famiglia. Il suo più grande insegnamento fu che la routine sembra noiosa ma alla fine ti migliora. Eh, il Milan è una cosa enorme, spero se ne renda conto chi ci gioca oggi».

 

Redazione MilanLive.it