Massimiliano Allegri (Getty Images)
Massimiliano Allegri (Getty Images)

Si è da poco conclusa la conferenza stampa di Massimiliano Allegri alla vigilia di Juventus-Milan. Il tecnico bianconero ha parlato così della sfida di domani con la sua ex squadra: “Battiamoli e superiamoli, poi penseremo alla Champions e a scalare la classifica. Gianluigi Buffon non preoccupa, Martin Caceres da valutare, Paulo Dybala sta bene. Basta con l’equazione Allegri=giocatori rotti, siamo in linea con gli altri“.

 

L’OBIETTIVO. La Juventus si presenta a questo delicato appuntamento con un solo fine: la vittoria. “L’obiettivo è vincere perché sappiamo che loro ci sono davanti. Ma mancano ancora 25 partite, 75 punti… Sarà match importante ma perché ci può dare slancio anche per la partita di mercoledì in Champions“.

 

ANALOGIE JUVE-MILAN. Entrambe protagoniste di un inizio stentato, per poi migliorare prestazioni e risultati solo nell’ultimo periodo. Il pensiero di Allegri: “Noi abbiamo cambiato tantissimo, le difficoltà erano previste ma neanche io pensavo di avere solo 18 punti. Sul Milan non saprei, abito e vivo a Torino e so le nostre difficoltà ma posso dire che Mihajlovic sta facendo un buon lavoro e anche loro lotteranno per i primi tre posti“.

 

SICUREZZA. I fatti di Parigi hanno scosso il mondo intero, e quello del calcio ne è decisamente coinvolto. Le misure saranno aumentate per garantire la totale sicurezza allo Juventus Stadium. “Momento delicato della storia mondiale, giocheremo nella sicurezza più totale. Ho pensato molto ai giocatori bianconeri che erano a Parigi e tutte le persone che erano lì, col Milan deve essere una bella serata di sport. Per Torino giornata importante, ci sarà anche il concerto di Madonna, ci sarà Renzi. Vediamo positivo“.

 

Redazione MilanLive.it