Filippo Inzaghi
Filippo Inzaghi (Getty Images)

Dopo l’esonero dalla panchina, Filippo Inzaghi è rimasto ancora sotto contratto con il Milan e nel corso dell’ultima estate non ha trovato alcuna nuova squadra da allenare. Forse lo stesso Pippo ha voluto prendersi un anno di pausa dopo la scottante esperienza in rossonero oppure sono mancate le offerte a lui gradite. Fino al prossimo giugno è legato al club di via Aldo Rossi, ma non è detto che prima di allora non si faccia avanti qualche società per ingaggiarlo dandogli fiducia.

 

C’è stata in questi giorni una possibilità per Inzaghi, ovvero quella di andare allo Spezia dopo l’esonero di Nenad Bjelica, ma l’operazione non è andata in porto. Pietro Fusco, coordinatore dell’area tecnica del club ligure, nell’intervista concessa al quotidiano Il Secolo XIX ha svelato quanto accaduto prima di scegliere Domenico Di Carlo: “Con Camplone c’è stato solo un sondaggio, mentre Calori è stato valutato. Gallo sarebbe stata la soluzione se non avessimo trovato una via adatta. Poi ci sono state molte proposte da Diego Lopez ad altri. Ho detto no anche all’ipotesi Inzaghi perché non servivano nomi, ma lavoro“. Pippo dovrà ricostruire la propria carriera da allenatore altrove.

 

Redazione MilanLive.it