Axel Witsel
Axel Witsel e Claudio Marchisio (Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Il centrocampo del Milan resta un cruccio piuttosto importante, soprattutto in vista della prossima sessione di calciomercato che prenderà il via ad inizio gennaio. I rossoneri sanno di dover intervenire in qualche modo, magari prima sfoltendo la rosa a disposizione dai vari esuberi. Adriano Galliani ha già una sorta di piano: provare a piazzare quei 3-4 calciatori considerati poco utili alla causa, come Suso, José Mauri e Antonio Nocerino, per poi avere la forza economica di rafforzare il Milan con almeno un colpo in entrata di assoluta qualità. E tutti gli indizi portano verso un acquisto a centrocampo.

Calciomercato Milan, Mihajlovic snobba Witsel

Ed il sogno finora proibito ha anche un nome e cognome: Axel Witsel, mediano belga classe 1989 in forza allo Zenit San Pietroburgo, il quale possiede tutte le qualità ideali per rinforzare il reparto del Milan. E’ un calciatore nel pieno della maturità, duttile e versatile tatticamente, gioca in una delle Nazionali più forti del momento ed ha persino ammesso in passato la volontà di provare un’esperienza nel calcio italiano, più competitivo di quello russo. Il problema è rappresentato dall’enorme cifra che i rossoneri dovrebbero sborsare per prenderlo, ovvero 30 milioni di euro minimo più un ingaggio da top player.

Ma al Milan visto ieri contro la Sampdoria serve davvero Witsel? Sinisa Mihajlovic ha fatto quasi capire che giocando così la sua squadra non avrebbe bisogno di rinforzi. Come riporta Sportmediaset, il tecnico rossonero dopo il 4-1 inflitto alla Samp ha praticamente snobbato l’arrivo del belga: “Witsel? Non lo conosco” – ha ammesso lapidariamente il serbo allontanando ogni voce di mercato futura per il suo club. In realtà il nome di Witsel resterà d’attualità per molto tempo, nonostante al momento non sia considerata una pista praticabile per i costi eccessivi dell’affare.

 

Redazione MilanLive.it