carlos bacca
Carlos Bacca (Getty Images)

Difficile trovare il pelo nell’uovo di un Milan quasi perfetto contro la Sampdoria nei totali 90 minuti disputati ieri a San Siro. Quella che già da molti è considerata la migliore prestazione dell’era Sinisa Mihajlovic, non a caso con il passaggio al più consono 4-4-2 come modulo di base, è stata premiata anche dalla Gazzetta dello Sport con dei voti altissimi in pagella. Tante promozioni e giudizi positivi, ma anche una bocciatura eccellente nelle considerazioni pubblicate quest’oggi dalla ‘rosea’.

Neanche a dirlo M’Baye Niang si prende la palma del migliore in campo, anche solo per la partecipazione nelle azioni che hanno determinato la vittoria rossonera. Benissimo tutti i centrocampisti, con Alessio Cerci e Jack Bonaventura abili a dare sia qualità offensiva che aiuti importanti ai terzini sulle fasce. Pacata e serena la gara di Riccardo Montolivo, superato nel giudizio da un Juraj Kucka ritrovato ed a suo agio nel ruolo di mediano centrale, anche se sa di doversi giocare il posto in futuro con gli attuali infortunati Andrea Bertolacci e Nigel de Jong. E Carlos Bacca? Il peggiore, serata storta per il bomber colombiano, spesso in offside e incapace anche di buttare dentro un’occasionissima capitatagli nel finale.

 

Le pagelle della Gazzetta dello Sport
Le pagelle della Gazzetta dello Sport

 

Redazione MilanLive.it