Zlatan Ibrahimovic Cristiano Ronaldo
Zlatan Ibrahimovic e Cristiano Ronaldo (Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – L’obiettivo dichiarato è a cinque stelle, forse pure sei. Il Paris St. Germain intende fregarsene nel fair-play finanziario imposto dall’Uefa e spendere una cifra super per arrivare a Cristiano Ronaldo, uno dei due calciatori più forti al mondo secondo il parere pubblico e universale. Il fenomeno portoghese costerebbe circa 125 milioni di euro solo di cartellino, più un’altra ventina per l’ingaggio netto che però il presidente dei parigini Nasser Al-Khelaifi sembra assolutamente disposto a spendere pur di regalare ai propri tifosi un colpo prestigiosissimo in vista della prossima stagione e infatti ha dichiarato: “Sono fiero di lui, potremmo parlare con calma di un altro anno insieme”.

Calciomercato Milan, Ibrahimovic può rinnovare col Psg

E cosa c’entra il Milan con certi affari ultra-milionari? Semplice. In tutto questo calderone potrebbe rientrare nuovamente il nome di Zlatan Ibrahimovic, l’attaccante svedese che la dirigenza rossonera spera ancora di convincere a trasferirsi di nuovo a Milanello dopo le trattative già avanzate l’ultima estate. Cristiano Ronaldo al Psg è un sogno concreto, ma per ora difficilissimo da raggiungere. Ecco dunque che i parigini in caso di no da parte del Real Madrid, punterebbe su altri obiettivi e piani strategici. Uno di questi riguarda il rinnovo contrattuale di Ibra.

Il numero 10 svedese, che già si sta guardando intorno, potrebbe decidere anche di restare in Francia dopo la scadenza naturale dell’attuale contratto, datata 30 giugno 2016. Al momento non sono in piedi negoziati per avvicinare il rinnovo, ma è un’opzione assolutamente da non scartare secondo la Gazzetta dello Sport. Il Milan aspetta e spera, aiutato magari dalle recenti parole dell’agente Mino Raiola che non esclude i rossoneri dalla corsa a Ibrahimovic: “Un ritorno in Italia al momento è difficile, c’è molto affetto per Zlatan ma dovrà decidere lui. I tifosi del Milan fanno bene a crederci, la speranza è sempre l’ultima a morire“. Ed a quasi sei mesi dalla scadenza sarebbe sbagliato anche non sperarci.

 

Redazione MilanLive.it