Milan-Crotone
Milan-Crotone (Getty Images)

Il quotidiano Tuttosport scrive che la partita di Coppa Italia contro il Crotone ha sancito la bocciatura di quei giocatori del Milan che finora sono stati considerati delle riserve e che martedì hanno fallito l’occasione di riguadagnare la considerazione e la fiducia di Sinisa Mihajlovic. La prestazione è stata imbarazzante e per avere ragione di una squadra di Serie B, anch’essa rimaneggiata con sei titolari in panchina, sono servivi i tempi supplementari e l’ingresso in campo di Giacomo Bonaventura, M’Baye Niang e Riccardo Montolivo. A livello di gioco la compagine di Ivan Juric ha fatto pure meglio dei rossoneri e la differenza di livello non si è vista nonostante i due campionati diversi a cui partecipano. Il Milan 2 è stato bocciato e per il prossimo turno di Coppa Italia contro la Sampdoria sicuramente le scelte di formazione saranno diverse.

Sempre Tuttosport evidenzia che tra i pochissimi a salvarsi martedì c’è sicuramente Luiz Adriano, uno dei colpi dell’ultimo calciomercato estivo con un investimento da 8 milioni di euro più 2,5-3 netti all’anno di stipendio. Diversi suoi compagni in campo con il Crotone  invece sono arrivati al Milan dopo campagne acquisti fatte invece di parametri zero e saldi. Gente come Philippe Mexes, José Mauri e Keisuke Honda è arrivata dopo essersi svincolata dal club precedente; Antonio Nocerino e Suso sono arrivati in saldo, mentre per Cristian Zapata e Andrea Poli sono state spese cifre non ingenti (circa 5-6 milioni ciascuno).

La scorsa sessione di calciomercato, seppur diversa dal solito e caratterizzata da alcuni investimenti, è risultata incompleta. Si è speso tanto, ma si poteva farlo meglio (e forse anche di più) andando a prendere dei giocatori che potessero colmare le falle presenti nell’organico, che non sono poche e lo si è visto sia con il Crotone che in altre partite. Conseguenze figlie anche degli sbagli degli ultimi anni, in cui non a caso il Milan non si è qualificato alle coppe europee.

 

Redazione MilanLive.it