Stefano Peduzzi
Stefano Peduzzi

Tutti contro Sinisa. Forse. Dalla società, irritata con il tecnico per il gioco che continua a latitare e per alcune scelte di formazione (vedi il caso in Coppa Italia) ai tifosi della Curva, che martedì scorso hanno abbandonato il loro posto a San Siro per “abbandonare” il tifo prima della fine. Ci sarebbe anche Berlusconi a volere la testa del tecnico serbo, anche se dichiarazioni ufficiali del presidente del Milan non se ne leggono da tempo.

Eppure ho tanti dubbi sul fatto che qualcuno voglia davvero la testa di Sinisa. Perchè non è stato cacciato nel momento in cui i rossoneri ottenevano risultati modesti? Perchè la squadra, nonostante tutto, rema dalla parte dell’allenatore? E perchè la società, di fatto, non ha mai manifestato pubblicamente contro le sue scelte?

Nonostante tanti segnali negativi e rumors, Mihajlovic resta, più o meno saldamente, al timone. Decisiva la trasferta a Modena. Decisiva la sfida interna contro il Verona e, forse, anche la trasferta di Frosinone. Insomma, ogni domenica potrebbe essere quella “buona” per cambiare l’allenatore. O forse si andrà avanti così fino a fine anno. Intanto gennaio è alle porte e non c’è il benchè minimo segnale di un mercato importante che possa portare a quel tecnico rinforzi veri. Firmerà sicuramente Boateng, ormai da tempo a Milanello, ma questo Milan avrebbe bisogno di almeno 2-3 tasselli importanti. Anche per rinsaldare la panchina di Sinisa Mihajlovic…

Ci rivediamo giovedì prossimo su Canale Italia 84

Stefano Peduzzi – @stepeduzzi