Cristiano Ronaldo e Carlo Ancelotti
Cristiano Ronaldo & Carlo Ancelotti (©Getty Images)

Carlo Ancelotti, forse il miglior allenatore dal 2000 ad oggi. Non solo per i numerosi trofei vinti con Milan, PSG e Real Madrid, ma anche per il rapporto che riesce a creare con la squadra. Chiunque sia stato allenato da Carletto, non può far altro che parlarne bene e ricordarlo con nostalgia. L’esperienza recente in Spagna dove ha portato i Blancos alla vittoria della Champions League (la decima della storia del club) dopo oltre 12 anni, si è chiusa lo scorso anno con l’esonero da parte di Florentino Perez. Decisione non vista di buon occhio dalla squadra e le dichiarazioni dei calciatori, anche sui social, lo hanno dimostrato. A distanza di parecchi mesi da quella decisione, tornano a parlare alcuni dei calciatori madridisti.

Il più rappresentativo della squadra, Cristiano Ronaldo ai colleghi di ESPN ha parlato così del suo ex allenatore: “Ancelotti è stata una sorpresa in positivo, perché all’inizio pensavo fosse un po’ arrogante. Invece si è dimostrato esattamente il contrario. Posso dire che è come un ‘grande orso’: una brava persona. Parlava ogni giorno non solo con me, ma con tutti i giocatori della squadra: con noi si è divertito molto. E’ una persona increbile, vorrei che ogni calciatore avesse la possibilità di lavorare con lui. E’ un uomo fantastico ed un ottimo allenatore: mi manca molto perché insieme abbiamo vinto molti trofei. Spero un giorno di tornare a lavorare con lui”.

Nostalgiche anche le parole di Toni Kroos rilasciate al settimanale tedesco Die Zeit. Questo il suo elogio all’ex tecnico: “Ancelotti è l’allenatore che unisce appieno le qualità necessarie per vincere: tattica e fattore umano, cosa non certo scontata, soprattutto qui al Real Madrid. Quando è andato via tutti ci sono rimasti molto male, compresi quelli che non giocavano. Non posso che parlare bene di lui”.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it