Giacomo Bonaventura
Giacomo Bonaventura (©Getty Images)

Sinisa Mihajlovic continua a puntare sul 4-4-2. Sin qui i risultati non sono stati molto positivi: nelle ultime 4 partite di campionato contro Carpi, Verona, Frosinone e Bologna, solamente 5 punti ottenuti sui 12 a disposizione. Nonostante gli impegni fossero tutt’altro che proibitivi visto il valore delle squadre, 2 pareggi, 1 vittoria e 1 sconfitta sono un bottino piuttosto misero per una squadra che ha prefissato nel 3° posto l’obiettivo stagionale. Il modulo scelto probabilmente ha le sue colpe, ma sono sempre i giocatori a scendere in campo. Al di là della disposizione in campo, se i giocatori schierati non hanno le qualità necessarie per avere la meglio di compagini di livello estremamente inferiore (sulla carta), l’allenatore ha ben poche colpe.

Resta comunque il fatto che, dopo aver cambiato parecchi moduli, Mihajlovic non vuole cambiare per il momento disposizione. Per forza di cose però, ha deciso di stravolgere gli interpreti in campo. Nel decisivo impegno di questa sera all’Olimpico contro la Roma, verrà schierato un centrocampo assolutamente inedito. Largo sulla destra ci sarà l’esordio ufficiale di Kevin-Prince Boateng, ritornato al Milan dopo l’esperienza poco felice allo Schalke 04.