Sinisa Mihajlovic
Sinisa Mihajlovic (©Getty Images)

Dura la vita di chi la fiducia deve guadagnarsela ogni domenica, senza poter essere tranquillo e sereno, bensì sempre sull’attenti, lavorare con la paura di fallire ancora ed essere bocciato definitivamente. Sinisa Mihajlovic lo ha ammesso anche dopo la qualificazione in coppa contro il Carpi: “Continuerò ad essere messo in discussione anche dopo questa vittoria“. Sa bene dunque il serbo che la sua avventura al Milan è tutto tranne che una passeggiata di salute, anzi, una sfida continua a tratti anche poco stimolante.

Secondo il Corriere dello Sport le ombre di Marcello Lippi, considerato da tutti il papabile sostituto in panchina, e di Antonio Conte in proiezione futura continuano ad aleggiare alle spalle di Mihajlovic, che sa di avere qualcuno contro anche all’interno della società. Silvio Berlusconi non è mai rimasto troppo convinto del suo ingaggio ed è particolarmente deluso per via dei tanti soldi spesi in estate che per ora hanno fruttato solo un sesto posto in classifica a distanze già siderali dalla zona Champions League.

Contro la Fiorentina altro test decisivo dunque per il suo Milan, che aspetta ancora i rinforzi di gennaio e lo sfoltimento di una rosa evidentemente poco adatta per i credo tattici di Mihajlovic. L’impressione è che, ben che vada, il mister serbo faccia le valigie al massimo a fine stagione, con Conte che rappresenta la primissima scelta per rilanciare il Milan nella stagione che verrà. Ma nessuno dia per morto o per scontato l’ex stopper dal carattere di ferro.

 

Redazione MilanLive.it