Milan, che rimpianto: oggi Aubameyang vale 50 milioni

Pierre-Emerick Aubameyang
Pierre-Emerick Aubameyang (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Fra i tanti rimpianti del Milan c’è sicuramente anche Pierre Emerick Aubameyang attualmente in forza al Borussia Dortmund. La società di via Aldo Rossi non lo ha mai ritenuto pronto per giocare in prima squadra. Nel 2011, infatti, dopo una serie di prestiti, i rossoneri decisero di cederlo a titolo definitivo per 800mila euro al Saint-Etienne, in Francia. Da lì in poi, l’attaccante gabonese ha iniziato a stupire l’Europa intera e nel giro di qualche anno è diventato fra i migliori al mondo. Un vero e proprio rimorso per il Milan, in termini economici ma non solo.

Calciomercato Milan: Aubameyang, rimpianto da 50 milioni

Aubameyang è un attaccante formidabile, dotato di qualità tecniche fuori dal comune e di qualità fisiche da vero atleta. Dopo aver lasciato il Milan, è completamente esploso con la maglia del Saint-Etienne: 41 reti in 97 partite, numeri che hanno attirato su di sé le attenzioni di tantissimi club europei. Soprattutto quelle di Jurgen Klopp e del suo fantastico Borussia Dortmund. Per soli 13 milioni, nel 2013 i gialloneri riuscirono a strapparlo al club francese. Un’occasione impossibile da perdere, e Aubameyang la sta sfruttando tuttora a dovere. Nella stagione in corso, il gabonese ha messo a segno 21 reti. Un cecchino.

Ma prima di approdare in Bundesliga, è stato vicinissimo anche alla prima Roma di Rudi Garcia. Ma il fascino del Westfalenstadion e del meraviglioso sistema di gioco di Klopp erano troppo forti per rifiutare. Aubameyang, però, ha un sogno, e spera di realizzarlo in breve tempo anche per mantenere una promessa fatta a suo nonno: vestire la maglia del Real Madrid.

Secondo quanto scritto da Calciomercato.it, nel corso degli anni la sua valutazione è schizzata a 50 milioni di euro. Potrebbe essere lui il protagonista del prossimo calciomercato estivo e il richiamo del Real è davvero molto forte: “Il mio sogno di bambino è quello di giocare nel Real Madrid. Prima che morisse gli ho detto che ci sarei arrivato“. Che rimpianto per il Milan, anche se è giusto sottolineare come ai tempi in rossonero non riuscì mai a convincere fino in fondo. Con il senno di poi è davvero troppo semplice…

 

Redazione MilanLive.it