Media-punti e numeri da grande: ora il Milan può sognare

Giacomo Bonaventura
Napoli-Milan (©Getty Images)

Numeri e statistiche stavolta sono dalla sua parte; il Milan è rinato e lo dicono i risultati, le prestazioni, persino la classifica che paradossalmente dopo l’1-1 di Napoli sembra più complicata per gli otto punti che mancano alla zona Champions League. Ma i sorrisi, le pacche sulle spalle, gli abbracci a fine partita testimoniano come il Milan possa davvero credere all’impresa, perché nel gruppo c’è convinzione e inversione di tendenza vera.

Come riporta la Gazzetta dello Sport, i numeri nel girone di ritorno sono tutti per Sinisa Mihajlovic: 15 punti conquistati, una media di più di 2 punti a incontro, solo cinque gol subiti che sembrano irrisori rispetto ai 13 incassati all’inizio del girone d’andata. Situazioni che lo stesso allenatore serbo ha ricordato con orgoglio dopo il pareggio del San Paolo, come a testimoniare che il suo Milan è vivo e vegeto, pronto a dare battaglia per il terzo posto.

Altri spunti positivi riguardano il calendario: gli ostacoli Fiorentina, Inter e Napoli sono alle spalle, con ben 7 punti su 9 conquistati in questi scontri diretti. Il prossimo ciclo di partite appare sulla carta decisamente favorevole: Torino in casa, Sasuolo e Chievo poco motivate in trasferta e di nuovo gara interna contro una Lazio non irresistibile. Servirà la cattiveria ed il cinismo visto di recente per uscirne da ‘grande’.

 

Redazione MilanLive.it