Milan, la squadra è con Mihajlovic. Ma Berlusconi tentenna

Giacomo Bonaventura Sinisa Mihajlovic
Giacomo Bonaventura e Sinisa Mihajlovic (©Getty Images)

La situazione è strana, quasi paradossale: il Milan è con Sinisa Mihajlovic, mai come in questa stagione, se ci riferiamo soprattutto alle ultime deludenti annate rossonere, un tecnico aveva ricevuto la stima quasi totale della propria rosa di calciatori. Massimiliano Allegri aveva fatto ‘figli e figliastri’ perdendo il polso della situazione. Clarence Seedorf dopo sei mesi è stato cacciato per incomprensioni imponenti con i veterani. Anche Filippo Inzaghi aveva ricevuto qualche critica non proprio soft da alcuni calciatori meno utilizzati della sua rosa.

Mihajlovic gode della stima di tutti, ogni elemento del suo Milan presentatosi in conferenza stampa o davanti alle telecamere in questi mesi ha evidenziato come il suo lavoro sia eccellente dal punto di vista sopratutto motivazionale, dando i meriti al serbo della risalita rossonera dell’ultimo periodo. Nonostante il solo punto raccolto tra Sassuolo e Chievo, il morale nel Milan è alto e c’è voglia, almeno a parole, di cancellare le ultime prove sottotono. Bene per Mihajlovic che sembra aver dunque spronato bene i suoi.

Tutti contenti dell’ex Sampdoria tranne uno, il più importante: secondo Tuttosport Silvio Berlusconi è ancora titubante sulla posizione del tecnico in questione, spesso vittima delle sue frecciatine pungenti e velenose. Come è giusto che sia Mihajlovic verrà valutato complessivamente a fine stagione, ma l’impressione è che il presidente voglia ancora cambiare, stufo di vedere un Milan altalenante e senza un gioco troppo brillante. Conterà più il gusto del gruppo e di gran parte della tifoseria, o le solite reazioni istintive del Cavaliere?

 

Redazione MilanLive.it