Attentati a Bruxelles: allarme anche per Euro 2016

Logo UEFA Euro 2016
Logo UEFA Euro 2016 (©Getty Images)

La notizia più rilevante della giornata, purtroppo tragica, è quella relativa agli attentati terroristici avvenuti a Bruxelles. Sono oltre 30 i morti e circa 130 i feriti. Il terribile atto è stato rivendicato dall’Isis, ormai noto per compiere queste stragi vergognose che finiscono per coinvolgere sempre vittime innocenti.

Dopo la Francia con Parigi, questa volta è toccato al Belgio. Il terrore è ormai diffuso in tutto in tutta Europa e ci si domanda quali saranno i prossimi obiettivi, sperando di riuscire a prevenire e neutralizzare ogni iniziativa prima che venga compiuta da questi criminali.

Dal 10 giugno al 10 luglio si disputeranno l’Europeo 2016 in Francia, un evento di richiamo internazionale e l’Isis potrebbe pensare di colpire proprio in tale occasione. Il ministro degli interni francese Cazeneuve ha parlato di “alto livello di minaccia” per la competizione. Speriamo che questo clima di terrore finisca al più presto e si possa tornare a vivere con maggiore serenità.

Intanto Giancarlo Abate, ex presidente della FIGC, ha parlato della possibilità che si disputino delle partite a porte chiuse nel corso di Euro 2016: “C’è il rischio di giocare alcune gare a porte chiuse durante la manifestazione. L’Italia, tra l’altro, giocherà proprio contro il Belgio. Il rischio porte chiuse può sempre esistere in una competizione in cui l’evento deve avvenire e non è rinviabile. Le preoccupazioni a livello europeo sono doverose”.

 

Redazione MilanLive.it