Milan, Mihajlovic in bilico. E che frecciatine da Galliani…

Sinisa Mihajlovic e Adriano Galliani (Foto Sportmediaset)
Sinisa Mihajlovic e Adriano Galliani (Foto Sportmediaset)

Con soli due punti raccolti in cinque partite, Sinisa Mihajlovic non può considerarsi un allenatore sicuro del suo posto in panchina e di conseguenza in bilico fino al termine della stagione ed oltre. Il suo Milan è ancora in corsa per due obiettivi importanti, l’ingresso in Europa League e la vittoria della Coppa Italia, ma allo stesso tempo dista ben 27 lunghezze dalla capolista Juventus, 14 punti (per ora) in meno della Roma che occupa l’ultimo piazzamento Champions. Per non parlare dei rivali cittadini dell’Inter che dopo la vittoria di Frosinone sono saliti a più nove.

Troppo poco per la gestione Mihajlovic, nonostante la prova di sabato contro la Juventus abbia rasserenato un minimo gli animi, mostrando un Milan ancora vivo ma molto sfortunato contro i rivali storici, più cinici e ormai abituati a vincere anche partite in sofferenza. La squadra rossonera deve migliorare in molte situazioni, come la gestione del punteggio, l’assetto difensivo, le palle inattive decisamente letali. Mihajlovic in tutto ciò ha delle colpe piuttosto evidenti e dovrà porre rimedio entro la fine del campionato.

Intanto, come ricorda il Corriere dello Sport, arrivano le frecciatine non troppo morbide di Adriano Galliani nei suoi confronti; l’a.d. rossonero ha sempre difeso Mihajlovic in passato, ma le considerazioni sul lavoro settimanale a Milanello sono piuttosto severe: “In settimana i ragazzi hanno fatto due allenamenti buoni e due molto meno buoni. Il Milan deve trovare continuità persino in allenamento, ci sono prestazioni diverse anche durante la preparazione a Milanello“. Come a dire che il mister serbo sia attualmente incapace di motivare e far lavorare bene la squadra anche lontano dai clamori e dalle telecamere. Un punto a sfavore di Sinisa.

 

Redazione MilanLive.it