Riccardo Montolivo
Riccardo Montolivo (©Getty Images)

È sotto gli occhi di tutti il pessimo momento che sta attraversando il Milan in questa stagione. A nulla sono serviti sin qui i milioni spesi in estate: la squadra sta rischiando addirittura il sesto posto valido per la qualificazione ai preliminari di Europa League. Qualora sfumasse questo obiettivo, il Sassuolo è a -1 a 3 giornate dalla fine, solo una vittoria della Coppa Italia garantirebbe il ritorno in Europa dopo diversi anni. Stando così le cose però, una vittoria in finale contro la Juventus appare più che utopistica. Nonostante nell’ultima partita in campionato a San Siro i rossoneri hanno dimostrato di poter tenere testa, a tratti, ai bianconeri, al momento è alquanto improbabile pensare di poter trionfare il 21 maggio all’Olimpico.

Molti tifosi milanisti addirittura, soprattutto dopo l’esonero di Sinisa Mihajlovic, hanno rinunciato a compare il biglietto per assistere al match. Tifoseria milanista ovviamente parecchio delusa dall’andamento della squadra e dal comportamento della società. Le critiche, spesso molto pesanti, corrono sui social. In particolare su Facebook è stato creato un evento a cui molti tifosi hanno mostrato il loro interesse, dal titolo: “No al rinnovo di Montolivo”. 

Più volte si è parlato del probabile rinnovo a fine stagione di Riccardo Montolivo, il quale contratto scadrà il prossimo giugno. Qualche mese fa indiscrezioni rivelavano che la possibilità di prolungare la sua permanenza in rossonero fosse molto vicina al prolungarsi: si parlava addirittura di un triennale. Al momento la situazione è in stand-by vista la situazione di grave crisi che sta attraversando la squadra. La sensazione però è che a fine stagione il club di via Aldo Rossi rinnovo comunque il suo contratto. Con buona pace di buona parte dei tifosi che lo definisce senza troppi giri di parole: “Il capitano più indegno della storia del Milan”. Diventa davvero difficile, viste le prestazioni, difendere il centrocampista rossonero. Prestazioni spesso discontinue, poca qualità in fase di costruzione, oltre che incapacità di trascinare la squadra nei momenti difficili del match. Inoltre la fascia da capitano affidatagli pare una responsabilità forse troppo ingombrante.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it