Cristian Brocchi
Cristian Brocchi (©Getty Images)

Un film già visto a Milanello: un allenatore che non nasconde delle qualità gestionali messo in difficoltà dalle prestazioni insufficienti dei suoi uomini migliori, finito sulla graticola con un salvagente piccolissimo e stretto come sua ultima ancora di salvezza. Ciò che è accaduto a Sinisa Mihajlovic si sta ripetendo con il proprio sostituto naturale Cristian Brocchi, uno strano destino per gli allenatori del Milan.

Come scrive la Gazzetta dello Sport, l’ex tecnico della Primavera, nonostante la fiducia mostrata dai piani alti del club, è già a rischio allontanamento dopo due settimane di lavoro. Una vittoria contro la Sampdoria sofferta ma meritata, un pareggio noioso contro il Carpi ed una sconfitta amara a Verona. Un bottino troppo povero per Brocchi e compagnia, ma è dura imputare delle colpe al giovane allenatore che si ritrova a guidare un gruppo disilluso e statico. Tutto sembra andare contro la sua riconferma, dall’atteggiamento dei ‘big’ in calo fino alla difficoltà nella lotta al sesto posto che varrebbe l’Europa League.

L’unica piccola scialuppa di salvataggio si chiama Coppa Italia, ma pensare oggi alla sfida diretta contro la Juventus schiaccia sassi mette i brividi. Silvio Berlusconi è deluso, si aspettava la svolta immediata con Brocchi, che non sta arrivando. I tifosi invece sembrano aver capito con maggiore lungimiranza che il debuttante ex mediano non può fare miracoli, scagliandosi dunque contro le scelte del presidente. Fatto sta che in casa Milan ci si trova con l’ennesimo tecnico a rischio usa&getta.

 

Redazione MilanLive.it