Keisuke Honda e Giacomo Bonaventura
Keisuke Honda e Giacomo Bonaventura (©Getty Images)

Spazio a chi corre, chi si impegna e chi dà il 100% in campo nonostante tutte le difficoltà del caso. Il Milan riparte in campionato dalle poche note positive fuoriuscite dal match perso contro l‘Hellas Verona, ennesima figuraccia stagionale per la formazione rossonera. Cristian Brocchi dovrà puntare ciecamente su coloro che sono riusciti almeno a livello individuale a salvare la faccia e ottenere una sufficienza.

Uno di questi, secondo la Gazzetta dello Sport, è certamente Keisuke Honda, che nel match di Verona ha propiziato l’unica rete milanista con un sinistro insidioso mal respinto da Gollini e tramutato in gol da Jeremy Menez. Il talento giapponese aveva cominciato la breve era Brocchi in panchina, quasi dimenticato nel nuovo 4-3-1-2 del giovane allenatore rossonero. Fuori sia contro la Sampdoria che contro il Carpi, Honda è stato richiamato in causa grazie al k.o. di Jack Bonaventura ed al flop da titolare come trequartista di Prince Boateng, peggiore in campo nello 0-0 interno contro i carpigiani.

Contro il Frosinone dunque Honda si terrà stretto il posto da titolare dietro alle punte Carlos Bacca ed il rientrante Mario Balotelli che ha scontato il turno di squalifica. Dal numero 10 rossonero ci si aspetta una prova di qualità e quantità, anche se dovrà riappropriarsi di una posizione più centrale dopo un anno e mezzo di gare giocate da esterno destro offensivo.

 

Redazione MilanLive.it