Cristian Brocchi
Cristian Brocchi (©Getty Images)

Cristian Brocchi al termine di MilanFrosinone è intervenuto ai microfoni di Premium Sport per commentare l’andamento della partita disputata questo pomeriggio a San Siro. Un 3-3 a dir poco clamoroso, con i rossoneri prima sotto 1-3, poi vicini anche alla vittoria negli ultimi minuti finali. Solo una traversa di Mario Balotelli salva gli ospiti nel finale. Queste le dichiarazioni del tecnico: “Non erano incubi notturni, ma prendere gol al calcio d’inizio ero sconfortato. Poi dopo abbiamo reagito creando tante occasioni. Non sono d’accordo con Pistocchi, oggi non siamo stati disuniti. Non possiamo prendere tre gol a San Siro, il risultato non è buono, ma non abbiamo subito e non siamo stati disuniti. De Sciglio deve stare in campo e siccome abbiamo spinto tanto, la sua posizione era sempre all’interno del campo. José Mauri doveva dare equilibrio. Non mi è sembrata una prova negativa. Nel secondo tempo dopo 25 minuti De Sciglio è andato a destra… Il Milan quante volte ha calciato in porta? (24 volte, 11 in porta, ndr)”.

Ancora sulla prestazione della squadra e sulla prova in fase di non possesso dei rossoneri: “Io parto dal presupposto che si dice che si era trovato l’assetto con il 4-4-2. Adesso non è attuabile perché Bonaventura non c’è. Per caratteristiche io penso che il 4-3-1-2 sia il modulo da usare in base ai giocatori che abbiamo. Balotelli, Bacca, Luiz Adriano sono attaccanti. Le mie valutazioni sono fatte in base alle caratteristiche dei giocatori. In fase di non possesso noi non volevamo fargli muovere palla da dietro e da questo punto di vista non abbiamo sofferto. Quando loro prendevano palla non abbiamo avuto grossi problemi. Da giocatore ho giocato molto con questo modulo e le caratteristiche dei miei giocatori mi obbligano a giocare così. Oggi il problema non è stato avere due centrocampisti piuttosto che tre”. 

Sui pessimi risultati ottenuti dal Milan nelle ultime tre partite contro Carpi, Verona e Frosinone: “Oggi secondo me non hai fatto una considerazione giusta, altre volte si. Non sono d’accordo. Io lo dico perché vi ascolto sempre e fate giuste valutazioni. Io valuto ogni singola partita e in base a quella schiero i miei giocatori. Oggi abbiamo preso tre gol in casa, ma oggi abbiamo creato tante occasioni gol prendendo due traverse, sbagliando un rigore e facendo tre gol. Mi piace il confronto tra persone e uomini”. 

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it