Adriano Galliani
Adriano Galliani (©Getty Images)

Altra domenica da dimenticare per il Milan e i suoi tifosi. Ieri pomeriggio, a San Siro, la squadra di Cristian Brocchi non è andata oltre il 3-3 contro il Frosinone, che ha già un piede in Serie B. L’ennesimo risultato deludente contro una compagine in coda alla classifica, come successo contro Carpi e Verona.

I rossoneri sono riusciti ad agguantare il pareggio solo grazie ad un rigore dubbio concesso dall’arbitro, realizzato poi da Jeremy Menez con grande freddezza e lucidità. Mario Balotelli ha sfiorato, nei minuti di recupero, anche il 4-3, ma la traversa si è opposta. Insomma, una partita stregata, ma che andava vinta senza se e senza ma.

Ora, infatti, il Milan è al settimo posto, scavalcato dal Sassuolo che ieri ha vinto di misura in casa contro l’Hellas. Per il Milan la qualificazione all’Europa League si fa molto complicata: nel caso in cui dovesse chiudere il campionato in settimana posizione, allora Brocchi sarà costretto a vincere la Coppa Italia contro la Juventus il prossimo 21 maggio.

A proposito di Coppa Italia. Stamattina, in Lega, si è tenuta una cerimonia proprio per quanto concerne il trofeo nazionale. Presenti Gennaro Gattuso e Fabio Cannavaro, che porteranno la coppa a Roma. C’era anche Adriano Galliani, il quale non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazioni in merito alla sconfitta di ieri. “Niente paroline sulla partita di ieri, oggi non si parla“, ha riportato Calciomercato.com.

Il dirigente milanista ha voluto comunque sottolineare il comportamento di Balotelli dopo il match: “Per dare un’idea di come è cambiato – riporta Rai Sportvi dico che ieri, 15-20 minuti dopo la partita, mi ha telefonato e mi ha chiesto scusa per aver sbagliato il rigore. Ieri è stato sfortunato, ha sbagliato un rigore e preso una traversa al 94‘”.

 

Redazione MilanLive.it