Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi (©Getty Images)

Aria di smobilitazione in casa Milan, non solo tra i calciatori, disuniti e poco motivati come si è visto ieri pomeriggio durante il match contro il Frosinone. Secondo l’edizione odierna de La Stampa in società si pensa seriamente ad una cessione delle quote di maggioranza, un passaggio di consegne che, numeri alla mano, appare sempre più obbligata per la proprietà attuale al gruppo cinese che ha mostrato maggiore interesse.

Tutto dipende come sempre da Silvio Berlusconi, il quale dovrà dare celermente una risposta ai cinesi; il quotidiano torinese oggi parla di una deadline quasi imposta dalla cordata asiatica per la giornata di mercoledì. Una tappa importante nell’affare Milan, visto che entro il 4 maggio prossimo Berlusconi dovrà decidere se firmare o meno l’accordo di esclusiva con l’advisor Sal Galatioto, che dovrebbe inviare i propri emissari in Italia nelle prossime ore.

Non sarà un passo vincolante, visto che le firme preliminari arriverebbero successivamente, ma la firma sull’esclusiva diventa passo fondamentale per la cessione delle quote Milan, dalle mani di Fininvest a quelle dell’Evergrande Group. I cinesi sperano di ottenere entro mercoledì l’ok di Berlusconi per poter iniziare seriamente a programmare il proprio progetto finanziario e tecnico, manovrando anche il calciomercato estivo e le future scelte in ambito dirigenziale.

 

Redazione MilanLive.it