Christian Abbiati
Christian Abbiati (©Getty Images)

Per Christian Abbiati questa sera è stata l’ultima apparizione a San Siro come portiere del Milan, anche se contro la Roma non è sceso in campo. A fine partita è stato salutato dal pubblico rossonero e celebrato dai compagni. Momenti veramente emozionanti e commoventi.

L’esperto estremo difensore si è così espresso ai microfoni di Milan Channel al termine del match: “Credevo che mi sarei commosso di più, mi sono trattenuto. Ringrazio tutta la vita i tifosi, la società, il Presidente Berlusconi, Adriano Galliani, ho passato momenti bellissimi, con grandi campioni abbiamo vinto tutto. Peccato salutare con una sconfitta così, volevo ringraziare i tifosi che mi hanno aspettato per salutarmi“.

Si passa poi ai ricordi: “La parata che mi rimarrà nel cuore è quella del derby europeo del 2003, poi abbiamo vinto la Chanmpions“.

Un commento su Gianluigi Donnarumma, a cui ha fatto da chioccia quest’anno: “Non ha bisogno di Abbiati, è un bravissimo ragazzo, con la testa sulle spalle, con grandissime qualità e farà benissimo per tanti anni. Io posso dire che ho avuto come esempio Maldini, Costacurta e Albertini e ricordo ancora oggi cosa mi hanno insegnato“.

Contro la Juventus in Coppa Italia il 21 maggio si concluderà la stagione del Milan e anche la sua carriera da portiere. Abbiati è speranzoso: “L’aspetto mentale per la finale conterà di più. E’ una partita secca, ce la possiamo giocare, purché non si metta in campo l’atteggiamento di oggi

 

Redazione MilanLive.it