Casa Milan
Casa Milan (©Getty Images)

Il Corriere dello Sport nella propria versione online fornisce le ultime novità riguardanti l’ormai nota trattativa per la cessione del Milan.

Sembra che la settimana che va dal 21 (giorno della finale di Coppa Italia) al 28 maggio (giornata della finale di Champions League) potrebbe essere decisiva per il futuro del club di via Aldo Rossi.

La trattativa è in corso e in fase avanzata. I consulenti di Fininvest e quelli di Sal Galatioto, l’advisor che rappresenta la cordata cinese, stanno lavorando per trovare l’accordo su alcuni dettagli. Per il 15 giugno, termine ultimo della negoziazione esclusiva, potrebbe arrivare il sì definitivo di Silvio Berlusconi.

Il presidente del Milan deve ancora convincersi al 100% dell’affidabilità degli acquirenti, aspetto sul quale Fininvest non ha dubbi. La settimana sopra citata può essere cruciale. Sal Galatioto sembra intenzionato a svelare completamente i componenti della cordata cinese interessata all’acquisto del club. Una volta verificata la loro solidità e i loro progetti, Berlusconi deciderà se andare fino in fondo alla trattativa. L’unico nome certo in questo momento è quello dell’Evergrande Real Estate Group, già proprietario del Guangzhou in Cina. Nel consorzio sono presenti altri cinque gruppi, la cui identità resta avvolta nel mistero.

Il Corriere dello Sport conferma le cifre che ha diffuso di recente. L’offerta presentata a Fininvest da Sal Galatioto per conto dei cinesi è di 740 milioni di euro per il 100% del Milan. Il 70% passerebbe subito nelle mani dei nuovi proprietari, mentre il restate 30% nel giro di pochi anni. Dalla somma vanno sottratti i debiti del club, 230-240 milioni. Quindi Berlusconi incasserebbe 500 milioni per l’intero pacchetto azionario rossonero, mentre il resto del denaro è per pagare i creditori.

L’attuale patron continuerà a mantenere, almeno inizialmente, la carica di presidente onorario. Il calciomercato adesso è congelato fino al 15 giugno, ma la cordata cinese ha un piano di investimenti da 300 milioni destinati alla campagna acquisti, alla promozione del marchio e anche alla progettazione dello stadio di proprietà.

 

Redazione MilanLive.it