Cristian Brocchi
Cristian Brocchi (©Getty Images)

Cristian Brocchi sa quanto sia importante la Coppa Italia per il Milan e per il proprio futuro. Vincere contro la Juventus significherebbe salvare parzialmente la stagione, dato che verrebbe alzato un trofeo dopo cinque anni di astinenza e si otterrebbe la qualificazione diretta alla fase a gironi della prossima Europa League.

Per il mister rossonero il successo rappresenterebbe invece una chance per rimanere sulla panchina, anche se ci sono indiscrezioni che lo danno partente al di là dell’eventuale vittoria. Però sicuramente vincere la Coppa Italia può fargli guadagnare punti.

Ieri in conferenza stampa Brocchi ha mostrato consapevolezza del fatto che la Juventus parte con i favori dei pronostici, ma allo stesso tempo crede nell’impresa e ha spronato tutti i suoi ragazzi a dare il massimo per chiudere in bellezza una stagione negativa: «La Juve ha una ferocia incredibile, tutti i giocatori si aiutano – riporta La Gazzetta dello Sport -. E’ favorita. Ma ogni squadra ha i suoi difetti e se ci credi puoi conquistare traguardi impensabili. Tutto è possibile nella vita. Sarà fondamentale lo spirito. Giocarsi un trofeo è qualcosa di unico. Io non mollo mai, anche in un momento difficile come questo: ho visto uno sguardo diverso nei giocatori, ma non mi faccio fregare più. Già prima della Roma mi avevano illuso. Spero che tirino fuori quello che hanno dentro».

Di fronte Brocchi avrà il collega Massimiliano Allegri, che ha allenato il Milan per due anni e mezzo vincendo Scudetto e Supercoppa Italiana: «Io sono carico. Vivo la vigilia come fossi ancora un giocatore, ma devo avere la lucidità per riflettere sulle scelte. Il confronto con Allegri è uno stimolo, ma non conta Brocchi: conta il Milan, conta vincere».

 

Redazione MilanLive.it