Milan, i cinesi hanno scelto: Pellegrini l’uomo del rilancio

Manuel Pellegrini (Getty Images)
Manuel Pellegrini (Getty Images)

La questione riguardante la cessione delle quote Milan si risolverà non prima di fine giugno, visto che le condizioni di salute di Silvio Berlusconi impongono una proroga delle scadenze nelle trattative. Ma intanto la cordata cinese sta cercando di pianificare il futuro del club rossonero, almeno per linee teoriche e non concrete. Ecco perché il Corriere dello Sport è sicuro di un accordo già trovato tra gli investitori e l’allenatore designato come ‘ideale’ per la prossima stagione.

Manuel Pellegrini è il nome adatto per i cinesi, che prima avevano pensato seriamente di bloccare Unai Emery, il quale però ha ricevuto la chiamata dei ricchi sceicchi del PSG e la trattativa si è ovviamente arenata. Il cileno diventa il candidato numero uno per guidare il Milan, a patto che il fondo d’investimento di Pechino riesca a convincere Fininvest e Berlusconi e ad entrare a breve in società con le quote di maggioranza in proprio possesso. L’ex Manchester City è svincolato e potrebbe dare l’ok senza troppi indugi.

Un ingaggio super da circa 6 milioni di euro che Pellegrini potrebbe però decurtarsi automaticamente, in cambio di certezze sul progetto tecnico e sugli investimenti di mercato. Un tecnico di livello internazionale come lui difficilmente si muove senza avere rassicurazioni in tal senso. Adriano Galliani preferirebbe un tecnico italiano, un profilo più adatto alla Serie A, ma la scelta dei cinesi è fatta.

 

Redazione MilanLive.it