Riforma Primavera, proposta respinta: Milan furioso

Adriano Galliani (Getty Images)
Adriano Galliani (Getty Images)

Martedì, nell’Assemblea di Lega, si è deciso di bocciare la riforma del campionato Primavera. Come riportato dal Corriere dello Sport, il Milan non ha reagito benissimo a questa scelta: i rossoneri, infatti, avevano fortemente sponsorizzato l’applicazione della riforma, insieme ad altre big. “E’ inutile fare le commissioni se poi in Assemblea saltano pure gli accordi già raggiunti”, ha detto un Adriano Galliani fuorioso al termine dell’incontro.

La novità prevedeva il superamento del torneo attuale, organizzato con 42 squadre divise per tre gironi, con la nascita di una Serie A giovanile di 16 squadre con tanto di promozione e retrocessione. Questa formula, che tra l’altro era stata concordata in una precedente assemblea, non è gradita a molti club, come Napoli, Genoa, Bologna, Crotone, Pescara, Sassuolo e Sampdoria. Il Palermo, invece, ha deciso di astenersi.

Il calcio italiano si dimostra ancora poco incline al rinnovamento. La Lega aveva infatti già respinto l’introduzione delle cosiddette squadre B, proposta fortemente dalla Juventus. La moviola è stata invece approvata, ma ad una sola condizione: tutte le spese dovranno essere a carico della Federazione.

 

Redazione MilanLive.it