Mario Pasalic
Mario Pasalic (acmilan.com)

MILAN NEWS – Capire a che punto sono i nuovi arrivati e scoprire anche qualche giovane talento che già nel settore giovanile sta facendo ottime cose. Il Milan ha disputato l’amichevole di Bournemouth con questi due obiettivi principali, facendo così il punto della situazione. Il test è servito a Vincenzo Montella anche per chiarirsi le idee riguardo alla ripresa del campionato, quando i rossoneri ospiteranno l’Udinese ma con parecchie assenze tra centrocampo e attacco.

La Gazzetta dello Sport si è sbilanciata sui ‘top& flop’ del match giocato ieri pomeriggio e vinto dalla squadra milanista per 2-1. Tra i migliori c’è sicuramente Suso, lo spagnolo indomabile che anche nella posizione di interno di centrocampo ha fatto vedere le proprie qualità balistiche. Un grande gol, quello del vantaggio Milan, ma anche tanto movimento che fanno ben sperare. La sorpresa più positiva è stata rappresentata dall’esordio in prima squadra di Alessandro Plizzari, classe 2000, altro portiere baby del Milan: una super-parata a fine gara su Lys Mousset lo inserisce tra i migliori.

Male invece Luiz Adriano, il meno convincente del tridente offensivo mobile scelto da Montella. Il brasiliano soffre forse i troppi spostamenti per aiutare la difesa e diventa impalpabile in fase di ripartenza, quasi oscurato dalla maggior grinta di M’Baye Niang. Tra i peggiori anche Leonel Vangioni, fuori condizione e spesso anche lontano dalla sua posizione originale di terzino sinistro. Da rivedere anche gli altri nuovi: Mario Pasalic deve riprendere confidenza e condizione atletica, mentre l’esperimento José Sosa da regista va rivisto, nonostante qualche buona giocata mista ad errori imprudenti.

Redazione MilanLive.it