Giorgio Squinzi
Giorgio Squinzi (©Getty Images)

MILAN NEWS – Il Sassuolo ha grandi ambizioni per il futuro. In questi anni i neroverdi hanno dimostrato buona programmazione anche grazie all’aiuto, in termini di calciomercato, della Juventus. Grandi meriti vanno certamente dati alla gestione del presidente Giorgio Squinzi. Ai microfoni de La Stampa, ha rilasciato un’intervista in cui parla della forza del suo team soprattutto contro le grandi: “Il Sassuolo deve puntare sempre all’Europa. L’anno scorso abbiamo tenuto testa a tutte le big del campionato. I passaggi a vuoto di Inter e Milan per esempio ci possono aiutare per puntare ancora alle competizioni europee”.

Qualche mese fa aveva attaccato Claudio Lotito e anche questa volta fa capire che il rapporto con il presidente della Lazio non è idilliaco: “Chi occupa posizioni importanti per le riforme, pensa di più ai propri specifici interessi piuttosto che a cambiare il pallone. Le faccio solo dei nomi. Io sono molto in sintonia con Andrea Agnelli e lo ero con Silvio Berlusconi. Non lo sono e non posso esserlo con Claudio Lotito. E non mi faccia dire di più”

Ancora sulla gestione Berlusconi e sulla sua passione per i colori rossoneri: “Tifo Milan dagli Anni 40, è chiaro che la spinta emozionale che potevano dare due personaggi come Berlusconi e Moratti non possiamo aspettarcela dai cinesi. Quell’epoca è finita. Se ci siamo arresi ai capitali stranieri? No, non credo. I cinesi sono arrivati per fare un business, vedremo a medio-lungo termine se ci riusciranno. Certo, il mecenatismo è finito”.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it