Carlos Bacca
Carlos Bacca (©Getty Images)

Vittoria sofferta per il Milan che sbanca il Marassi e porta a casa 3 punti fondamentali. Partita che si è accesa soprattutto nel secondo tempo: due pali per parte, rigori dubbi non fischiati ai rossoneri (di cui uno netto su Bonaventura), e un gol annullato (ingiustamente) per fuorigioco alla Sampdoria. Alla fine la spuntano gli ospiti con il gol di Carlos Bacca su assist di Suso.

Un successo molto importante per la formazione milanista, reduce da due sconfitte consecutive e bisognosa di vincere per non entrare in crisi. Missione compiuta, anche se ci sono dei miglioramenti da fare.

Sampdoria-Milan: tabellino, voti e pagelle del match

Marcatori: 85′ Bacca (ass. Suso).

Ammoniti: Lapadula, Bonaventura, Pereira, Muriel, Donnarumma.

Espulsi: /

SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano 6,5; Sala 6 (Dal 30′ Pereira 5.5), Silvestre 6, Skriniar 5, Regini 5.5; Barreto 6, Torreira 6,5, Linetty 6.5; Praet 6,5 (Dal 68′ Fernandes 6); Muriel 7, Quagliarella 5. All.: Giampaolo 6.

MILAN (4-3-3): Donnarumma 7; Abate 5, Paletta 6,5, Romagnoli 6, Calabria 5.5; Sosa 5,5 (Dal 57′ Locatelli 6), Montolivo 5.5, Bonaventura 5.5; Suso 6,5 (Dall’89’ Gustavo Gomez s.v.), Lapadula 6 (Dal 65′ Bacca 7), Niang 6,5. All.: Montella 6.

Sampdoria-Milan: le pagelle dei rossoneri

Donnarumma 7: ci sono anche le sue mani su questa vittoria sofferta dei rossoneri. Due parate decisive per tempo: prima su Torreira, poi respinge sul palo la conclusione dello scatenato Muriel.

Abate 5: si limita prevalentemente alla fase difensiva, ma si fa saltare con troppa facilità in certe occasioni. E non essendoci dalle sue parti né Cristiano Ronaldo né Neymar, non sono errori ammissibili. Fortunatamente questa volta non è un suo errore a decidere il match.In fase offensiva non si vede.

Paletta 6,5: tappa tutti i buchi lasciati per diversi tratti di gioco dal centrocampo. Decisivo in un paio di interventi. Bene così.

Romagnoli 6: bravo a non subire la velocità degli avversari. Annulla, insieme al compagno di reparto, Quagliarella. Brivido lungo la schiena di tutti i milanisti al momento dell’errore nel secondo tempo in fase difensiva che per poco non regalava il vantaggio agli avversari. Deve migliorare, perché a volte una singola sbavatura può costare cara.

Calabria 5.5: esordio stagionale da titolare per il 19enne rossonero. Non arriva alla sufficiente. Tanta voglia di fare bene, ma rischia un paio di volte nelle chiusure difensive. Deve ancora migliorare tanto in fase offensiva, principalmente sui cross. Unica attenuante, comunque non da poco, che giocava sulla fascia non sua.

Montolivo 5,5: confermato da titolare nonostante le recenti pessime prestazioni, complice principalmente l’assenza di alternative per il suo ruolo. Anche quest’oggi non dimostra di essere affidabile in fase di costruzione. Nella seconda metà della ripresa Locatelli lo rimpiazza davanti la difesa e il capitano rossonero si sposta sul centro-destra, dove è più libero da compiti difensivi e rende meglio.

Sosa 5,5: prova nella media nel primo tempo, ma comunque troppo poco per dare qualità e velocità alla manovra offensiva. Fa quel che può nelle chiusure difensive. Lascia il campo troppo presto a causa di una condizione fisica ancora precaria. (Dal 57′ Locatelli 6: si posiziona davanti la difesa e fa bene in fase di interdizione. Qualche ingenuità dovuta all’età, ha soltanto 18 anni, ma nel complesso fa bene. Ancora tanto su cui lavorare, soprattutto in fase di possesso. Impatto sufficiente da parte del ragazzo).

Bonaventura 5,5: era atteso da una risposta dopo la brutta prestazione contro l’Udinese. Riesce a metà: prova non sufficiente e al di sotto delle potenzialità mostrate in questi anni. Servono ancora tanto tempo e lavoro per riuscire ad interpretare bene il ruolo di mezzala.

Suso 6,5: ritarda troppo spesso il passaggio decisivo, tranne in occasione del vantaggio siglato da Bacca. Induce il difensore all’errore, ruba palla e punta l’avversario: assist con il contagiri per Bacca che non sbaglia. Riuscisse a trovare sempre i tempi giusti per servire i compagni o per andare al tiro, sarebbe ancora più letale. (Dall’89’ Gustavo Gomez s.v.).

Lapadula 6: promosso per l’impegno, ma per quanto riguarda l’incisività non è facile giudicarlo viste le poche palle arrivate in area. Lui comunque c’è e non manca di farlo notare sia ai compagni che soprattutto ai difensori avversari. Spreca un’occasione nel primo tempo, ma per stavolta l’errore non pesa. (Dal 65′ Bacca 7: la panchina gli fa benissimo. Ci mette appena 20 minuti per decidere il match con un gran gol su assist di Suso. Pochi minuti prima aveva colpito un palo clamoroso, complice Viviano, con un’azione in solitaria. Spegne subito le polemiche sul nascere in merito al rapporto teso con Montella).

Niang 6,5: ci mette un po’ a carburare, ma poi riesce a prendere le misure e a far male agli avversari sulla sua fascia. Avesse maggiore continuità durante i 90 minuti Montella sarebbe molto più felice. Rientrava dalla squalifica e ha mostrato di essere indispensabile in quel ruolo.

All. Montella 6: ci si aspettava l’esclusione di uno tra Abate e Montolivo, invece opta per Bacca. Al colombiano fa comunque bene la momentanea panchina. La squadra conclude il match in crescendo, ma per diversi tratti ha sofferto l’iniziativa avversaria. Bravi i rossoneri a sfruttare le difficoltà, principalmente fisiche, palesate dai padroni di casa. La continuità è ancora lontana, ma bisognerà lavorarci. Martedì si torna a giocare: sarà la Lazio l’avversario da affrontare a San Siro.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it