Milan-Juventus, parla Rizzoli: “Gli errori si capiscono a fine partita”

Nicola Rizzoli
Nicola Rizzoli (©Getty Images)

MILAN NEWS – Sabato sera e nei giorni seguenti è stato oggetto di discussione la condotta di Nicola Rizzoli e dei suoi assistenti in Milan-Juventus.

Come tutti ormai sanno, i bianconeri si sono lamentati per il gol annullato a Miralem Pjanic. A essere in fuorigioco era Mehdi Benatia e non Leonardo Bonucci, dunque la squadra di Massimiliano Allegri ha protestato. Nel secondo tempo, poi, c’era un rigore su Alessio Romagnoli per fallo di Hernanes. Infine un colpo proibito di Pjanic sulla faccia di Gianluigi Donnarumma, da espulsione. Tre episodi che hanno fatto parlare.

Rizzoli ieri è stato interpellato da Sportitalia per parlare di quelle che sono le decisioni arbitrali: “Il problema del campo è che le decisioni che vengono prese sono prese con la massima consapevolezza degli elementi di valutazione che uno ha, quindi l’errore eventuale lo si percepisce a fine gara. Dopo fa parte della capacità personale dell’arbitro andare oltre. Ho letto una parte del libro di Zanardi che dice: ‘ci si può rialzare anche senza gambe’. Il concetto è questo”. L’utilizzo della moviola, dunque della tecnologia, aiuterebbe molto i direttori di gioco a sbagliare meno. Al di là di Milan-Juventus, ci sono tante partite in cui avviene di peggio.

 

Redazione MilanLive.it