Gianluigi Donnarumma
Gianluigi Donnarumma (©Getty Images)

MILAN NEWS – Fino a qualche anno fa la sfida Juventus-Milan per quanto riguarda i rispettivi calciatori convocati nella Nazionale italiana non aveva storia. Tantissimi i bianconeri, un blocco imponente, a disposizione del c.t. di turno. Pochini invece i rossoneri, che pagavano anche il momentaccio del club di via Aldo Rossi per questioni economiche e di campo. Oggi però, come ricorda la Gazzetta dello Sport, le cose sono completamente cambiate. Tra infortuni e modifiche nelle strategie societarie, il Milan primeggia nel numero di convocati azzurri: ben 6 chiamati da Giampiero Ventura per sfidare Liechtenstein e Germania.

Donnarumma, De Sciglio, Antonelli, Romagnoli, Bonaventura e Lapadula; alcuni nomi sicuri, altri a sorpresa come il centravanti ex Pescara che solo domenica scorsa trovava il primo centro in carriera nella massima serie. E pensare che Ventura ha dovuto fare a meno forzatamente di Riccardo Montolivo, infortunatosi al ginocchio proprio durante una delle ultime sfide internazionali, e di Davide Calabria, il duttile terzino classe ’96 che secondo Adriano Galliani sarà il prossimo rossonero ad essere inserito nella Nazionale maggiore.

Il Milan con sei convocati è in ‘zona record’, ma non ha di certo il primato nel numero di chiamate azzurre. Nel 1992 per una gara a Malta l’allora c.t. Arrigo Sacchi portò con se’ ben nove calciatori rossoneri, tra cui gente come Eranio o Lentini che non avranno poi un gran futuro in Nazionale. Ma la squadra di Ventura si avvicina molto a quella di ‘Usa 94’, quando sempre Sacchi divise la sua rosa tra blocco Milan e blocco Parma: sette convocati da Milanello (più Evani che era da poco passato alla Samp) e sette giunti dalla via Emilia.

Redazione MilanLive.it