Gianluigi Donnarumma
Gianluigi Donnarumma (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Voci, smentite e rumors. Gianluigi Donnarumma a soli 17 anni è già sulla bocca di tutti anche in chiave calciomercato, visto che ancora non arriva l’accordo per il rinnovo a lunga durata con il Milan e che dall’altra parte la Juventus lo avrebbe pesantemente messo nel mirino, considerandolo l’erede perfetto di Gigi Buffon, che nel 2018 dovrebbe smettere con il calcio giocato.

Eppure oggi la Gazzetta dello Sport ha svelato un gustoso retroscena di mercato, che vede esattamente gli stessi protagonisti in ballo: un Donnarumma ancor più giovane, una Juventus alla ricerca di giovani talenti per il futuro, ed un Milan che ancora non avrebbe pensato di poter accogliere un portiere così prezioso nato nel 1999.

Calciomercato Milan, Donnarumma già vicino alla Juve nel 2012

Il retroscena riportato dalla ‘rosea’ quest’oggi parla di un contatto molto forte, che risale inizialmente al 2011. Donnarumma è un ragazzino dalle qualità fisiche impressionanti, è già molto più alto dei suoi coetanei e gioca nel Club Napoli, una scuola calcio per talenti che si impone di far scoprire i ragazzi di qualità assoluta della Campania ai club professionistici. La Juventus è tra le prime a muoversi nell’autunno di quell’anno, contatta i genitori di Gigio, va a trovarlo a casa in quel di Castellammare di Stabia, sembra poter trovare dunque l’accordo decisivo.

Nell’agosto 2012 Donnarumma fu invitato a visitare le strutture di Vinovo e si sentì juventino per qualche giorno. L’affare era praticamente fatto, ma sfumò il 22 di agosto, per via di situazioni economiche e contrattuali molto intricate, e anche perché il piccolo Gigio non aveva compiuto ancora 14 anni, età minima per un trasferimento ufficiale fuori dalla propria regione d’appartenenza. Juventus sfumata e destino al Milan, con un treno stavolta preso al volo qualche mese dopo ed un contratto giovanile che scadrà nel 2018. Ora i bianconeri tornano a bussare alla porta del giovane portiere, ma con prospettive e soprattutto cifre decisamente superiori.

Redazione MilanLive.it