Andriy Shevchenko (©getty images)
Andriy Shevchenko (©getty images)

MILAN NEWS – L’aria del derby porta via sempre una scia di ricordi nostalgici legati ad una delle sfide più sentite del panorama calcistico italiano. Milan-Inter è un match per tifosi veri, per coloro che ricordano qualsiasi vittoria della propria squadra. Oggi la Gazzetta dello Sport si è sbizzarrita nei ricordi ed è andata a pescare ben 50 protagonisti del derby per parte, ovvero quei calciatori che in passato hanno deciso o sono stati determinanti per alcune storiche vittorie in quel di San Siro.

Il maggior uomo-derby in maglia rossonera sarebbe Andriy Shevchenko, attaccante che ha punito i rivali nerazzurri in più occasioni: ben 14 centri sotto la Madonnina, il più importante nella semifinale di Champions League che eliminò l’Inter e portò il suo Milan nella storica finale di Manchester. Poi capitan Paolo Maldini, primatista di presenze nei derby, ben 56 partite con 17 vittorie complessive, uno dei tanti record del grande numero 3 rossonero. Tornando indietro nel tempo c’è anche Gunnar Nordhal, lo svedese tra i migliori marcatori della Serie A; 11 reti contro l’Inter e una decisiva per lo scudetto del 1951.

Inutile citare le tante stelle, da Gianni Rivera a Franco Baresi, passando per Ronaldinho, che segnò al suo primo derby in Italia, o Zlatan Ibrahimovic decisivo contro l’Inter nella Supercoppa 2011. E’ interessante ritrovare gli uomini-derby inaspettati, come Romeo Benetti, non proprio un bomber, autore però di cinque gol in cinque stracittadine diverse. Oppure il difensore Giuseppe Sabadini, con gli indimenticabili 4 centri segnati all’Inter. O infine lo sconosciuto svedese Steinar Nilsen, che con il suo gol su punizione nello storico 5-0 del 1998 fu simbolo di sfottò infinito ai danni della tifoseria interista.

Redazione MilanLive.it