Vincenzo Montella
Vincenzo Montella (©Getty Images)

MILAN NEWS – Educato ma schietto: si può riassumere con queste due qualità il carattere di Vincenzo Montella, allenatore del Milan che non ha mai nascosto il suo pensiero di fronte a stampa e telecamere, ma lo ha sempre rivelato con assoluto aplomb e rispetto.

Anche ieri, in conferenza stampa per anticipare i temi di Empoli-Milan, il tecnico è dovuto intervenire su qualche questione annosa senza perdere il suo consueto equilibrio.

Come riporta la Gazzetta dello Sport era inevitabile ieri commentare le dichiarazioni recenti di Silvio Berlusconi, il presidente rossonero che dopo il derby ne ha avute per tutti, facendo sì i complimenti a Montella ma rinvigorendo anche quel discorso tattico che sta spesso molto a cuore al Cavaliere: “Abbiamo alcune differenze nello schema tattico, io penso che quello vincente sia con le due punte e una mezzala dietro. Quindi insisto con lui che il sistema debba essere questo“.

Promosso Montella nelle risposte date ieri in conferenza, perché prima è stato in grado di segnalare il massimo rispetto verso l’autorità rossonera: “Berlusconi di quelle cose parla anche a me e comunque, come dice Galliani, le parole del presidente si ascoltano ma non si commentano”. Poi in realtà un breve ma significativo commento da parte sua è arrivato, ma sempre con la solita eleganza: “A far vincere partite e campionati non credo siano i moduli, bensì le qualità dei giocatori, la bravura degli allenatori e la competenza della società. Io e la squadra non abbiamo ancora dimostrato di saper vincere ma la società e il presidente sì e lo hanno fatto per trent’anni”.

Montella così stuzzica la voglia di parlare di assetto tattico di Berlusconi senza scendere in futili polemiche; sa di essere in buona compagnia, visto che il presidente per anni ha impartito lezioni e consigli a qualsiasi allenatore si sia seduto sulla panchina rossonera. La differenza è che l’attuale tecnico ha dalla sua parte i risultati positivi e dunque sta dimostrando di avere regione delle sue scelte.

Redazione MilanLive.it