Milan » editoriali » Donnarumma e Suso salvano il Milan, ma contro la Fiorentina serve vincere

Donnarumma e Suso salvano il Milan, ma contro la Fiorentina serve vincere

Gianluigi Donnarumma

Gianluigi Donnarumma (©Getty Images)

Per come si presentava il Milan all’Olimpico, tra squalificati e infortunati, avremmo messo la firma su un pareggio sul difficile campo di una forte Lazio come quella ottimamente guidata da Simone Inzaghi. E pareggio è stato al termine dei 90 minuti più recupero. Un risultato che tiene ancora vive le speranze rossonere in chiave Europa League.

Era fondamentale non perdere questo scontro diretto, ma adesso diventerà fondamentale vincere a San Siro contro la Fiorentina per provare a ridurre il gap dalla sesta piazza della classifica, distante tre lunghezze ed occupata proprio dalla Lazio. Per l’occasione Vincenzo Montella ritroverà Juraj Kucka e Gabriel Paletta, di rientro dalla squalifica e ritorni molto importanti per difesa e centrocampo. Paulo Sousa, invece rinuncerà allo squalificato Federico Bernardeschi. Assenza pesante, anche se la squadra viola ha diversi giocatori di qualità e dunque non va sottovalutata affatto.

Il Milan avrà in Gianluigi Donnarumma e Suso i propri trascinatori. Sono stati loro a Roma a salvare la squadra da una sconfitta che sembrava veramente vicina. Oltre al gol su rigore dubbio realizzato da Lucas Biglia, la Lazio ha creato molte occasioni e non è riuscita a finalizzarle. Sia grazie agli interventi prodigiosi di Gigio, che a un po’ di imprecisione e poca cattiveria dei giocatori biancocelesti. I ragazzi di Montella, approfittando del fatto che gli avversari non chiudevano la partita, hanno creduto nella possibilità di strappare almeno un pareggio e ci sono riusciti grazie a un gran gol di Suso. Lo spagnolo, un po’ in debito di ossigeno e sempre raddoppiato, non stava disputando una bella partita ma ha trovato il colpo per regalare un punto prezioso alla squadra.

Come giustamente sottolineato da Montella nel fine partita dell’Olimpico, l’aver dovuto schierare giocatori che raramente o mai hanno giocato insieme ha creato inevitabili difficoltà. In difesa mancavano tre titolari, la coppia Zapata-Gomez non è ben assortita e Leonel Vangioni dopo un buon primo tempo è stato sovrastato da Felipe Anderson nella ripresa. A centrocampo il migliore è stato Josè Sosa, subentrato a uno spento Manuel Locatelli e bravo nel servire alcuni assist ai compagni. Prestazione non esaltante invece per Mario Pasalic e Andrea Poli. In attacco la formula con il tridente leggero e il falso nove non ha convinto. Sia Lucas Ocampos che Gerard Deulofeu sono da rivedere, anche se lo spagnolo comunque dà sempre l’impressione di poter creare pericoli.

Montella contro la Fiorentina dovrà decidere se ritornare a impiegare un centravanti vero oppure se proseguire con il tridente visto all’Olimpico. Sia Gianluca Lapadula che Carlos Bacca scalpitano e vorrebbero avere una nuova chance. In settimana si capiranno meglio le possibili scelte del mister, consapevole che il match di San Siro può essere decisivo per la qualificazione in Europa League. Vincere sarebbe importantissimo.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)