Vincenzo Montella
Vincenzo Montella (©Getty Images)

MILAN NEWS – Il vero rischio in casa Milan è che l’addio di Silvio Berlusconi dalla carica di presidente possa essere intriso da malinconia e insoddisfazione, anche se la lunga era del Cavaliere al timone della società meriterebbe una conclusione in pompa magna.

Profilo basso quello utilizzato da Berlusconi, forse non troppo convinto di lasciare la sua squadra del cuore e ancora indeciso se accettare la simbolica poltrona da presidente onorario, ovvero una figura storica ma senza alcun potere decisionale. Nella freddezza di questo lungo addio spunta anche il gelo nei rapporti tra Berlusconi e il tecnico Vincenzo Montella; il mister in realtà ieri ha speso parole di stima profonda per il suo patron, così come quando gli aveva dedicato la vittoria 2-1 contro la Fiorentina.

Berlusconi però non ha risposto, restando in silenzio e pensando probabilmente più alle pratiche per il divorzio dal Milan. Secondo Il Giornale hanno influito le scelte tattiche non condivise, il fatto che la squadra di Montella punti ultimamente più sul ‘non prenderle’ piuttosto che costruire gioco e azioni da gol. E la difesa a cinque schierata nel finale di Milan-Fiorentina è l’esempio di come Montella e Berlusconi intendano il calcio in maniera completamente opposta. A queste condizioni non proprio idilliache il tecnico non potrà essere così dispiaciuto dell’addio del suo insoddisfatto presidente.

 

Redazione MilanLive.it