Gianluigi Donnarumma
Gianluigi Donnarumma (©Getty Images)

MILAN NEWS – Un portiere che nella sua ancor giovane carriera ha subito solo due reti su sei calci di rigore contro non può non essere considerato un predestinato. Nel penalty fallito da Domenico Berardi in Sassuolo-Milan c’è anche lo zampino di Gianluigi Donnarumma, talmente bravo e prorompente da ipnotizzare qualsiasi rigorista.

Meglio di lui ha fatto solo Federico Marchetti della Lazio, con un solo gol subito su cinque rigori, ma Gigio resta uno dei portieri più promettenti al mondo, un patrimonio per il Milan. Come scrive oggi la Gazzetta dello Sport, il suo rinnovo è in cima alle priorità della nuova dirigenza rossonera, che subito dopo il closing del 3 marzo cercherà di cominciare i negoziati per arrivare al prolungamento ed adeguamento dell’accordo con Donnarumma, attualmente in scadenza a giugno 2018.

Tanto dipenderà da Mino Raiola, il suo vulcanico agente. Non c’è alcuna chiusura nei confronti del Milan da parte del procuratore, che però legittimamente sa di avere in mano una pietra preziosissima e vuole capire quanto il club rossonero potrà investire su di lui e su una squadra di primo livello. Ieri, interpellato dopo il compleanno dello stesso Donnarumma, Raiola ha rivelato i suoi programmi:Donnarumma merita un grande Milan? No, si merita una grande squadra. Io non ho sentito nessuno del nuovo Milan, per me il Milan è ancora rappresentato da Galliani. Vuole restare? Il ragazzo fa il suo, io faccio il mio, questi sono i patti chiari. Io devo vedere il suo futuro, quali sono le sue possibilità. Poi le scelte le fanno i giocatori. Si stanno tutti concentrando sul rinnovo di Donnarumma, ma la domanda più importante è “che Milan sarà?”. La sensazione è che alla fine un accordo verrà trovato, per la soddisfazione di tutte le parti.

 

Redazione MilanLive.it