Carlos Bacca Gerard Deulofeu Lucas Ocampos Mario Pasalic
Carlos Bacca, Gerard Deulofeu, Lucas Ocampos e Mario Pasalic (©Getty Images)

MILAN NEWS – Dopo la tanto discussa sfida contro la Juventus, il pensiero del Milan adesso non è rivolto solamente alla prossima partita contro il Genoa. La Gazzetta dello Sport, infatti, evidenzia che in casa rossonera si attendono le decisioni del Giudice Sportivo per quanto avvenuto nel post-gara di Torino. Arriveranno martedì.

L’arbitro Davide Massa e i collaboratori hanno compilato il referto che è già stato spedito e che contiene il destino di alcuni giocatori in odore di squalifica. Qualcuno rischia di prendersi una o più giornate di stop per il comportamento tenuto dopo il match allo Juventus Stadium. Diversi calciatori si sono esibiti in proteste veementi per il rigore concesso alla squadra di Massimiliano Allegri. Quello messo peggio sembra essere Carlos Bacca, che era stato sostituito a inizio secondo tempo e che è tornato poi in campo a gara finita per protestare in maniera energica contro Massa e soprattutto contro l’assistente Daniele Doveri. Vincenzo Montella e Adriano Galliani lo hanno bloccato, però sono volate parole pesanti e quasi un contatto fisico.

Per il colombiano potrebbero esserci almeno 2 giornate di squalifica, ma non è escluso che possano essere di più. Dipenderà da quanto scritto nel già citato referto. Una stangata a tanti giocatori è difficilmente ipotizzabile, potrebbe essere Bacca a pagare per tutti. E ci può essere l’aggiunta di una sanzione per Galliani, che pare sia andato anche lui oltre con le proteste. A pesare sulla decisione del Giudice Sportivo, che arriverà martedì, ci sarà pure il report degli ispettori federali. Ce n’erano diversi allo Juventus Stadium. In casa Milan anche i vari Gianluigi Donnarumma, Mattia De Sciglio, Alessio Romagnoli (comunque assente contro il Genoa perché ammonito sotto diffida), Andrea Poli e altri potrebbero finire nel mirino della Procura.

La Gazzetta dello Sport infine scrive: «Capitolo danni allo Stadium: il Milan sarà chiamato a rifondarli se i suoi tesserati saranno ritenuti responsabili. C’è pure il rischio personale di un deferimento per i singoli giocatori se visti da arbitri, ispettori federali oppure immortalati dalle telecamere di sicurezza. In questo caso dovrebbero cavarsela con una forte multa. Molto più complicato arrivare a un daspo (comunque non gli impedirebbe di giocare)».

 

Redazione MilanLive.it