Paul Singer
Paul Singer (foto dal web)

MILAN NEWS – Si è aperto un nuovo capitolo della tormentata e infinita vicenda in merito alla cessione del Milan. In questi giorni si è inserita una nuova entità: si tratta della Elliott Management Corporation, la società che ha prestato a Yonghong Lì i soldi (circa 250 milioni) per l’acquisizione del 99,93% del club rossonero.

Un “prestito ponte” che verrà poi restituito quando il governo di Pechino si deciderà a sciogliere i fondi cinesi che lui aveva raccolta. Ma in molti si chiedono: chi è Elliott Management Corporation e come opera? A darci una risposta ci ha pensato Calcio&Finanza. La società di gestione del fondo è stata fondata nel 1977 da Paul Singer, che ha ottenuto fama e successo grazie a competenza e lavoro. Di solito compra debito ultra-scontato delle aziende (e non solo) per poi rivendere e ricavarne profitto oppure chiederne il risarcimento in tribunale.

Proprio come ha fatto con la bond in default del Perù, nel 1996, per 11,4 milioni di dollari. In appello, due anni dopo, ne ha ricevuti 58 come risarcimento. Ci sono stati alcuni investimenti interessanti anche in Italia, come quelli nel primi anni 2000 in Fondiaria e Telecom Italia da parte del fondo Liverpool, gestito da Gordon, il figlio di Paul Singer.

Elliott Management Corporation avrebbe messo a disposizione di Yonghong Lì 320 milioni: 123 milioni per il Milan, 50 per la campagna acquisti. Questi soldi dovranno essere restituiti non appena ci saranno nuove entrate, altrimenti Elliott potrà rivalere sui beni posseduti da Yonghong Lì.

 

Redazione MilanLive.it