Marco Fassone
Marco Fassone (©Getty Images)

MILAN NEWS – Oggi il Corriere dello Sport mette in evidenza il fatto che la nuova proprietà rossonera il 13 aprile, giorno del closing, ha saldato il debito con le banche. E’ stato Marco Fassone in conferenza stampa ieri a rivelarlo: «Abbiamo sfruttato la lunga attesa del closing per ristrutturare il debito». Un’operazione da 190 milioni di euro.

Nonostante l’affare riguardante la compravendita del Milan abbia richiesto un prestito al fondo Elliott Management Corporation da circa 303 milioni, l’amministratore delegato rossonero si è detto tranquillo: «Non sarà un problema per la proprietà. Stiamo parlando di un’operazione senza precedenti: ai 740 milioni di base, si aggiungano il centinaio di milioni per la gestione corrente e gli investimenti sul mercato. Siamo oltre il miliardo: è normale ricorrere a un finanziamento esterno. Sottoscriveremo con la Uefa un voluntary agreement triennale». Il prestito andrà restituito entro 18 mesi con tanto di interessi, ma il dirigente ex Juventus, Napoli e Inter non è per niente preoccupato.

Fassone non ha nascosto poi gli obiettivi del nuovo Milan per il presente e per il futuro: «Subito in Europa League, almeno il quarto posto nel 2018, per tornare finalmente in Champions visto che le italiane saranno di nuovo quattro. Siamo il Milan, i tifosi sono il nostro primo patrimonio, non ci nascondiamo davanti a loro. Partecipare alla fase a gironi e magari entrare negli ottavi, significa assicurarsi almeno i 50 milioni di euro che ti cambiano la vita». Partecipare alle coppe europee diventa fondamentale per il prestigio e per le casse societarie.

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it