Adriano Galliani
Adriano Galliani (©Getty Images)

MILAN NEWS – Negli ultimi giorni si è parlato spesso della ricca buonuscita che Adriano Galliani, storico amministratore delegato del Milan, avrebbe ricevuto dopo la fine del suo incarico in rossonero per il passaggio di proprietà ai cinesi.

Già qualche anno fa, all’epoca del dissidio con l’altro a.d. rossonero Barbara Berlusconi, si era vociferato di una ricchissima liquidazione in favore del dirigente brianzolo, che poi è tornato sui propri passi ed è rimasto in società dividendosi i compiti con la terzogenita del presidente. Nelle ultime settimane invece qualcuno ha detto che nelle tasche di Galliani sarebbero entrati addirittura 30 milioni di euro per la militanza trentennale con il club rossonero. Voce smentita oggi dallo stesso ex amministratore delegato, come riportato dal blog di Carlo Festa, giornalista de Il Sole 24 ore.

Galliani ha ammesso: “Non è vero. Non ho preso un euro di liquidazione dopo il 14 aprile scorso. Il mio non era un incarico con un contratto classico, ma nato in virtù del rapporto storico instauratosi con Silvio Berlusconi ben prima dell’ingresso nel Milan”. Smentite così le dicerie su un esborso ‘monstre’ come riconoscimento ai servizi del dirigente storico, che ora percepirà invece 1 milione di euro lordi all’anno nel suo nuovo incarico, ovvero presidente del real estate immobiliare di Fininvest.

 

Redazione MilanLive.it