Ricardo Rodriguez
Ricardo Rodriguez (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Quando il Milan nella Champions League 2009-2010 perdeva clamorosamente in casa contro il piccolo Zurigo non pensava di aver affrontato il terzino sinistro del proprio futuro. Un giovanissimo Ricardo Rodriguez era in campo in quella gara non indimenticabile a San Siro.

Cresciuto in Svizzera, da padre spagnolo e madre cilena, Rodriguez è sempre stato un predestinato. Il laterale esploso fin da giovanissimo anche nelle selezioni della Nazionale elvetica che oggi è al centro di varie vicende di mercato, in particolare con i rossoneri che sembrano in pole per il suo acquisto. La Gazzetta dello Sport ha interpellato il suo primi d.s. Fredy Bickel per spiegare che tipo di calciatore è il classe ’92: “Già quando aveva 14 anni viveva per il calcio, due anni dopo è esploso in prima squadra. Con lui ho sbagliato due volte, prima rinnovando a Magnin e lasciandolo in panchina, anche se era più forte. Poi dicendogli di non andare al Wolfsburg, invece avevo torto”.

Già, al Wolfsburg Rodriguez ha conosciuto la ribalta internazionale, anche se nel weekend si giocherà la salvezza contro l’Amburgo. Tanto talento, un mancino da far paura e giusto quell’imbarazzo tattico che in un 4-3-3 potrebbe costringerlo a compiti troppo difensivi. Ma il Milan del futuro potrebbe adattarsi anche ad un 3-5-2, forse più in linea alle sue qualità. Legatissimo alla famiglia e di recente anche al giovane tifoso tedesco Joey Meister, col quale ha stretto un rapporto di amicizia, accompagnandolo a casa dopo gli allenamenti del Wolfsburg: “Lui è il mio migliore amico e il mio tassista” – ha ammesso il piccolo Joey. Un tassista da 20 milioni, cifra che spenderà il Milan per strapparlo alla concorrenza.

 

Redazione MilanLive.it