Sfida Milan-Juventus per Keita: decisiva la volontà del calciatore

Keita Balde Diao
Keita Balde Diao (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Il Milan guarda in casa Lazio per rinforzare la propria rosa. Gli obiettivi più concreti sono due: Balde Keita, reduce da un finale di campionato di altissimo livello, e Lucas Biglia. I rossoneri hanno fatto anche un tentativo per Sergej Milinkovic-Savic, ma Claudio Lotito non ha intenzione di darlo via.

Sul futuro di Keita e Biglia si è espresso Igli Tare, direttore sportivo biancoceleste: “La volontà della società è trattenerli. Stiamo parlando con loro per il prolungamento del contratto, ma è come in un matrimonio: tutte e due le parti devono essere contente”, le sue parole riportate dalla Gazzetta dello Sport. La trattativa più difficile è quella per il senegalese. Non per i costi, ma per la forte concorrenza della Juventus.

Massimiliano Mirabelli lo ha visto da vicino più volte in questi mesi e ha avuto dei positivi contatti con il suo procuratore. Ma l’inserimento dei bianconeri ha messo tutto in discussione. Giuseppe Marotta, in un’intervista di ieri, ha ammesso il forte interesse per il calciatore, ma la trattativa non è in dirittura d’arrivo. Come riportato da Tuttosport, il pressing dei campioni d’Italia ha spinto il direttore sportivo e Marco Fassone ad andare a Roma per incontrare Claudio Lotito: in questo summit si è parlato, oltre che di Lucas Biglia, anche del senegalese.

Mirabelli ha ottimi rapporti con Roberto Calenda, procuratore di Keita, e la Lazio sarebbe più propensa a cederlo al Milan piuttosto che alla Juventus. Ma nonostante la possibilità di un ruolo da protagonista in rossonero, l’esterno è affascinato dal progetto Juventus e dalla concreta possibilità di poter vincere tutto fin da subito. Quindi alla fine sarà decisiva la volontà del calciatore, che però non ha ancora preso una decisione. Intanto il Milan pensa anche all’alternativa, inquadrata perfettamente in Alejandro Gomez dell’Atalanta. Difficile trattenere Gerard Deulofeu, sempre più vicino al ritorno al Barcellona.

 

Redazione MilanLive.it