Milan, Yonghong Li esulta: stop alle restrizioni del Governo cinese

Yonghong Li
Yonghong Li (©Getty Images)

MILAN NEWS – Buone notizie in arrivo dalla Cina per quanto riguarda il futuro societario del Milan. Stanno infatti per arrivare alcuni cambiamenti strutturali molto importanti che possono influire positivamente sul futuro del club rossonero.

Come riporta Libero quest’oggi, a breve il Governo di Pechino dovrebbe rimuovere il blocco agli investimenti verso l’estero imposto qualche mese fa per via delle eccessive fughe di capitali che avevano di fatto portato ad un netto abbassamento del valore della moneta nazionale, lo yuan. Nelle ultime settimane però la Banca Centrale cinese ha fatto sapere di essere pronta ad aprire le frontiere per nuove operazioni finanziarie in direzione occidentale, come testimoniano anche i prossimi passaggi di proprietà di Parma e Crystal Palace, che stanno per finire nelle mani di Jiang Lizhang, boss del gruppo Desports.

Notizie ottimali per Yonghong Li, presidente del Milan e della controllante Rossoneri Lux, il quale sperava da tempo nella caduta di tale blocco di investimenti per poter attingere a nuovi fondi in Cina. Il suo piano originale era proprio quello di mettere insieme più investitori per acquistare e gestire la società.

In particolare a dare un contributo importante dovrebbe essere Huarong, colosso finanziario cinese che ha già partecipato tramite una società offshore al pagamento di quasi 200 dei 520 milioni di euro totali di valutazione del Milan. Se davvero da Pechino alleggeriranno i controlli sull’uscita di capitali, allora Huarong potrebbe intervenire più direttamente nel club rossonero. Con una capitalizzazione superiore ai 15 miliardi di euro, ricavi per circa 9 e un utile di 1,8 miliardi, Huarong ha le spalle a dir poco coperte.

In questo modo inoltre mister Li potrà rientrare con maggiore facilità dal prestito di 303 milioni di euro concessogli dall’hedge fund Elliott Management Corporation nel mese di marzo. E il destino del Milan può cambiare, ovviamente in meglio. Meno ostacoli per il rilancio del club.

 

Redazione Milanlive.it