Milan-Torino, contatto ufficiale per Belotti: prima offerta rossonera

Andrea Belotti
Andrea Belotti (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Per Alvaro Morata non c’è più lo stesso ottimismo di prima, mentre il Paris Saint-Germain è molto vicino a Pierre-Emerick Aubameyang. Il Milan, che vuole assolutamente un attaccante di livello, punta ora Andrea Belotti.

Il bomber del Torino ha una clausola rescissoria da 100 milioni, valida però solo per l’estero. Ma Urbano Cairo, che vorrebbe trattenerlo ancora per un anno, chiede comunque una cifra molto alta. I rossoneri, che avevano intenzione di fare offerte importanti anche per Morata, vogliono provarci e, come riporta Sky Sport, in queste ultime ore c’è stato il primo incontro ufficiale fra Marco Fassone e il presidente granata.

Calciomercato Milan, prima offerta per Belotti: Cairo rifiuta

Secondo Sky Sport, l’amministratore delegato avrebbe avanzato una prima offerta, da meno di 50 milioni pare, giudicata però troppo bassa dal Torino, che invece lo valuta 100 milioni. I rossoneri, per arrivare a Belotti, dovranno mettere sul piatto almeno 70 milioni cash più eventuali contropartite tecniche: come confermato da Gianluca Petrachi, ai granata piacciono diversi calciatori del Milan, fra cui M’Baye Niang, che tornerà dal prestito al Watford. Quello di oggi pomeriggio è stato solo un primo approccio: per una trattativa del genere c’è bisogno di tempo e pazienza. La società di via Aldo Rossi sa di avere dalla propria parte il gradimento del calciatore, tifoso milanista da sempre.

Raffreddata la pista Morata e con Aubameyang sempre più vicino al PSG, il Milan sembra quindi deciso a virare sull’attaccante della Nazionale, reduce da una stagione di altissimo livello, autore di 26 reti in campionato: meglio di lui solo Edin Dzeko (capocannoniere) e Dries Mertens. Pochi mesi fa ha rinnovato il suo contratto con il Torino, che ha deciso di inserire questa clausola da 100 milioni per il mercato estero. A proposito di estero: Belotti piace a molti club europei, fra cui anche il Manchester United, che però sembra aver mollato la presa in queste ultime settimane proprio a causa dell’alta valutazione.

 

Redazione MilanLive.it